Politiche dell’energia

Archive for the ‘Politiche dell’energia’ Category

UE: strumento per il riesame dell’attuazione delle politiche ambientali

La Commissione ha adottato lo strumento per il riesame dell’attuazione delle politiche ambientali – una novità per migliorare l’attuazione sia della politica ambientale dell’UE che delle norme stabilite di comune accordo. Si inaugura così una nuova procedura. La Commissione, insieme agli Stati membri, affronterà le cause alla radice delle carenze di attuazione e troverà soluzioni, prima che i problemi diventino urgenti…

Continua la lettura – Fonte: http://energia-plus.it/ue-strumento-per-il-riesame-dellattuazione-delle-politiche-ambientali_85977/

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Milleproroghe e rinnovabili, Anie: «Milioni di investimenti bloccati per indeterminatezze normative»

Senza programmazione delle tariffe, incertezze sulla sostenibilità economica delle energie green.

Secondo Anie Rinnovabili «L’art. 3 comma 2 lettera b del DDL di conversione del Milleproroghe genera ulteriori incertezze sulla sostenibilità economica di investimenti nelle energie rinnovabili, perché introduce la componente tariffaria elettrica in quota potenza sugli oneri generali di sistema. Questo quadro normativo incerto blocca gli investimenti pronti a sostenere lo sviluppo del settore delle rinnovabili e dell’efficienza energetica.

Anie Rinnovabili, l’associazione che all’interno di Anie Federazione di Confindustria  raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti chiavi in mano per la produzione di energia da fotovoltaico, eolico, biomasse e geotermia, mini idroelettrico, sottolinea che «Il Milleproroghe non è stata davvero la strada migliore per programmare la transizione energetica da un’economia a combustibili fossili ad un’economia green, che incontra resistenza perché stravolge il modello di sviluppo del Paese. Né tantomeno si apprezza l’effetto retroattivo del provvedimento e l’assenza di un atto di indirizzo politico all’Autorità per l’energia, cui è assegnato il compito di rimodulare le componenti tariffarie degli oneri generali di sistema».

Leggi tutto …

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Un’alleanza vincente, le dichiarazioni di Claudio Descalzi

Claudio Descalzi

Claudio Descalzi «L’Unione Europea ha bisogno delle risorse. Mentre l’Africa ha bisogno di sviluppare le proprie ricchezze con investimenti e tecnologie. Puntare su una maggiore cooperazione è una scelta win-win». Il pensiero dell’amministratore delegato Eni sulla sfida energetica che lega i destini dei due continenti 

«Un successo come questo non sarebbe stato possibile senza la nostra scelta di sostenere le comunità locali, non richiesta contrattualmente, attraverso significativi investimenti in infrastrutture per il mercato locale.»

A parlare è Claudio Descalzi, classe 1955, milanese, fisico e, da maggio del 2014, alla guida di Eni, in cui era entrato 33 anni prima. Descalzi ha spiegato così la crescita di Eni in Africa, il 15 settembre scorso, durante un discorso a Bruxelles per una conferenza destinata agli europarlamentari, che era stata significativamente intitolata: “Quale ruolo per l’Africa nella strategia energetica europea?”. Read more »

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (2 votes cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Il Ministro dell’Ambiente e le timide politiche sull’energia

“La politica energetica in futuro dovrà essere guidata dal Ministero dell’Ambiente, perché è proprio sull’ambiente che ha il suo impatto. Il Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe avere altri obiettivi. Per questo andrà fatta una revisione delle deleghe sull’energia, settore oggi diviso tra più ministeri competenti”. È quanto ha affermato oggi il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, ospite al “Forum QualEnergia?”. Read more »

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Green economy, l’incontro “Economia circolare e creazione di nuova occupazione” da Arces

Green economy, l’incontro “Economia circolare e creazione di nuova occupazione” da Arces, 23 novembre 2015

Lunedi 23 novembre alle 15 presso Arces Collegio Universitario, Manageritalia Palermo promuove l’iniziativa regionale “Economia circolare e creazione di nuova occupazione nel settore della Green Economy”. Read more »

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Green Economy – Approvato al Senato un disegno di legge in materia di politiche ambientali e di sviluppo

Approvati dal Senato una parte degli articoli del “collegato ambientale” recante “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali”. Si tratta del disegno di legge, collegato alla manovra di finanza pubblica del 2014, che prevede misure importanti in materia di politiche ambientali e di sviluppo. Read more »

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Claudio Descalzi (Eni): Egitto fulcro dell’hub del Mediterraneo

Claudio Descalzi

Gas verso l’Italia e la Ue. L’audizione al Senato

“Abbiamo parlato della strategia in Egitto come fulcro e come parte dell’hub del Mediterraneo dell’Est grazie alle sue infrastrutture e alle sue grandi scoperte, con la possibilità di accogliere e legare insieme le scoperte israeliane e quelle cipriote” e di “avere un export verso l’Italia e l’Europa”, per il momento “solo per nave”.
L’amministratore delegato dell’Eni, Claudio Descalzi, ha descritto così ai giornalisti gli scenari tracciati nel corso dell’audizione svolta oggi presso la commissione Esteri del Senato, alla quale il manager ha assicurato che il ruolo dell’Italia può crescere “perché abbiamo le infrastrutture e gli stoccaggi, abbiamo una capacità in eccesso, circa 100 mld mc di gas e ne usiamo 65 mld mc e quindi si può esportare con un reverse flow verso la Svizzera, l’Austria e la Germania”. Read more »

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (2 votes cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Unione dell’Energia a rischio. Berlino con Mosca contro Bruxelles

In questi giorni difficili e gravi per la tenuta dell’Unione europea (Ue), la fiducia tra i Paesi membri è cruciale per rimarginare le ferite, ricostruire un sentiero di coesione e avviare nuove tappe politiche nella crescita dell’Unione, senza le quali il progetto europeo rischia di implodere sotto la spinta di una frammentazione corrosiva. Read more »

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn