Claudio Descalzi: Sviluppo sicuro dopo il Piano

Claudio Descalzi

In un 2015 “ancora incerto”, Eni guarda fiduciosa al futuro, forte di un Piano quadriennale “solido” e del lavoro di adeguamento al ciclo del petrolio svolto lo scorso anno. La generazione di cassa, ha assicurato l’a.d. del gruppo, Claudio Descalzi, durante l’assemblea, potrà sostenere gli investimenti e i dividendi anche nello scenario più “conservativo” del petrolio a 63 usd al barile. In questo scenario, “la priorità è massimizzare la generazione di cassa”, sostenuta anche con un “robusto programma di dismissioni”. Per l’upstream è prevista una crescita produttiva del 3,5% nel quadriennio. “L’obiettivo è avere 3 mld di cassa” nel G&P, ha detto l’a.d. Claudio Descalzi, “600 mln di ebit e 1,5 mld di cassa” nel R&M. il breakeven, ha ribadito, resta l’obiettivo del 2015. Per la chimica, i breakeven economico e di cassa restano fissati al 2016.
“Abbiamo anticipato i tempi e siamo riusciti a fare le scelte giuste prima degli altri e ora la società sta raggiungendo obiettivi prefissati prima del previsto”, ha sottolineato il presidente Emma Marcegaglia, ribadendo che “è stata una scelta coraggiosa abbassare il dividendo, una scelta capita e apprezzata dal mercato, perché pone basi solidissime per la crescita della società”.
Descalzi ha inoltre precisato che, sul lungo termine, vi sarà una “più profonda trasformazione del business in linea con gli obiettivi europei al 2020-2050, promuovendo l’uso del gas e lo sviluppo di risorse rinnovabili”.

FONTE: Italia Oggi

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (2 votes cast)
Claudio Descalzi: Sviluppo sicuro dopo il Piano, 5.0 out of 5 based on 2 ratings
You can leave a response, or trackback from your own site.