SE Hamid Baeidinejad, Ambasciatore dell’Iran in UK — dott. Diego Biasi, Amministratore Delegato Quercus — Ing. Vito Gamberale,. Presidente Quercus

Il progetto fotovoltaico iraniano da 600 MW di Quercus segna una milestone per le Energie Rinnovabili in Iran

L’Iran, la seconda economia mediorientale, è “open for business” e si è impegnato a sviluppare impianti di energia rinnovabile per una capacità complessiva di 5 GW entro il 2020. 20 settembre 2017: Quercus, tra i principali investitori al mondo nelle […]

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Diego Biasi, Quercus Assets Selection

Turin Islamic Economic Forum, Biasi, AD Quercus: Cogliere opportunità del mercato rinnovabili in linea con finanza islamica

A margine del Turin Islamic Economic Forum, nel quale sono tra glia altri intervenuti Guido Montanari, Vicesindaco di Torino, 
Vincenzo Ilotte, Presidente Camera di Commercio di Torino, Gianmaria Ajani, Rettore, dell’Università di Torino e Abdulla Mohammed Al Awar, ceo of Dubai Islamic Economy […]

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Diego Biasi

Quercus raccoglie 150 mln per il suo nuovo progetto

Importante risultato per Quercus Assets Selection, che ha completato la raccolta di 150 milioni di Euro destinati a 3 fondi specializzati nelle energie rinnovabili Quercus Italian Wind, Quercus Italian Solar e Quercus European Renewables, lanciati all’inizio del 2016. Il progetto, […]

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

UE: strumento per il riesame dell’attuazione delle politiche ambientali

La Commissione ha adottato lo strumento per il riesame dell’attuazione delle politiche ambientali – una novità per migliorare l’attuazione sia della politica ambientale dell’UE che delle norme stabilite di comune accordo. Si inaugura così una nuova procedura. La Commissione, insieme […]

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Francesco Starace

Francesco Starace: la partecipazione dell’AD di Enel alla Settima Assemblea Generale IRENA

Le rinnovabili rivestiranno un ruolo sempre più importante nel panorama energetico internazionale. È emerso anche nel corso della Settima Assemblea Generale dell’IRENA (International Renewable Energy Agency), in programma ad Abu Dhabi il 14 e 15 gennaio. Tra gli ospiti anche […]

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
 

Rating D&B: FSI S.r.l., società guidata da Alessandro Belloni, valutata con l’indice massimo di affidabilità finanziaria

Importante riconoscimento per FSI S.r.l.: la società guidata da Alessandro Belloni ha conseguito il certificato con rating cribis 1 che sottolinea il massimo livello di affidabilità finanziaria. Un traguardo prestigioso che evidenzia l’attenzione posta nei confronti di tutti gli aspetti relativi alla corretta gestione dell’impresa. Il Rating Cribis D&B parte dall’analisi delle prospettive di successo o di cessazione di un’azienda, sintetizzando le informazioni rilevate in una classifica che rende disponibili le valutazioni di affidabilità. Tale indicatore si compone di due parti: quella di rischio, su una scala da 1 a 4, e la Consistenza Finanziaria, derivata dal rapporto Patrimonio Netto e Capitale Sociale. Il Rating D&B è riconosciuto da anni per la sua alta capacità predittiva nella valutazione del rischio di impresa e si contraddistingue per aggiornamento, facilità di interpretazione, semplicità ed efficacia nel monitoraggio.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Eco2zone: società di Alessandro Belloni tra le start up innovative

L’approccio “green” sul fronte energetico sta sperimentando in tempi recenti una crescente richiesta di efficienza e qualità. Per ottenere queste caratteristiche vengono ricercate soluzioni innovative e all’avanguardia, che portino a risultati sempre più performanti, grazie a tecnologie più funzionali e a risorse maggiormente disponibili.

Tra le realtà del settore, spicca Eco2zone, società controllata di FSI che dal 2014 pratica attività di studio e ricerca per la realizzazione di azioni di sostenibilità ambientale e di efficienza energetica all’avanguardia. Il punto di riferimento è la direttiva europea 20-20-20, che fornisce indicazioni sulla riduzione delle emissioni di CO₂ applicata a differenti ambiti, quali quello prettamente ambientale, quello immobiliare e quello rivolto ai servizi energetici. Read more »

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Case a energia zero per famiglie green

Il 15 febbraio u.s. presso la sede UNA GOLF di Cavaglià si è svolta la conviviale del RC Viverone Lago con ospite d’onore il prof. Paolo Corgnati, classe ’73, vercellese di Livorno Ferraris, laureato in Ingegneria Meccanica e Dottore di Ricerca in Energetica, professore Associato di Fisica Tecnica Ambientale presso il Dipartimento Energia del Politecnico di Torino.

Paolo Corgnati svolge attività di docenza principalmente nei corsi di Studio di Architettura ed Ingegneria Edile, dove e’ titolare dei corsi di “Fisica tecnica ambientale” (fisica dell’edificio, illuminazione, acustica e climatizzazione) e “Sostenibilità e innovazione dei sistemi edificio-impianti”. Nel Dipartimento di Energia opera nel gruppo che svolge attività di ricerca nei settori dell’uso razionale dell’energia (TEBE), delle tecnologie edilizie ed impiantistiche per il condizionamento ambientale, dell’illuminotecnica e dell’acustica, ponendo particolare attenzione alle tematiche dell’architettura sostenibile, dell’innovazione tecnologica per l’energetica edilizia e della gestione energetica dei patrimoni immobiliari. Leggi tutto

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Milleproroghe e rinnovabili, Anie: «Milioni di investimenti bloccati per indeterminatezze normative»

Senza programmazione delle tariffe, incertezze sulla sostenibilità economica delle energie green.

Secondo Anie Rinnovabili «L’art. 3 comma 2 lettera b del DDL di conversione del Milleproroghe genera ulteriori incertezze sulla sostenibilità economica di investimenti nelle energie rinnovabili, perché introduce la componente tariffaria elettrica in quota potenza sugli oneri generali di sistema. Questo quadro normativo incerto blocca gli investimenti pronti a sostenere lo sviluppo del settore delle rinnovabili e dell’efficienza energetica.

Anie Rinnovabili, l’associazione che all’interno di Anie Federazione di Confindustria  raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti chiavi in mano per la produzione di energia da fotovoltaico, eolico, biomasse e geotermia, mini idroelettrico, sottolinea che «Il Milleproroghe non è stata davvero la strada migliore per programmare la transizione energetica da un’economia a combustibili fossili ad un’economia green, che incontra resistenza perché stravolge il modello di sviluppo del Paese. Né tantomeno si apprezza l’effetto retroattivo del provvedimento e l’assenza di un atto di indirizzo politico all’Autorità per l’energia, cui è assegnato il compito di rimodulare le componenti tariffarie degli oneri generali di sistema».

Leggi tutto …

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Batteria idrogeno: ecco Intelligent Energy, fuel cell per smartphone

Per quanto la tecnologia delle batterie faccia passi da gigante ogni giorno, uno dei limiti che ancora crea problemi è la loro durata. Ora il problema potrebbe essere però in via di risoluzione: molto presto con il nostro smartphone potremmo dimenticarci di quando abbiamo fatto l’ultima ricarica e questo grazie a Intelligent Energy, una piccola cella a combustibile che a breve sarà utilizzata da un produttore di smartphone emergente.

Non è ancora dato sapere quale sarà l’azienda fortunata che potrà utilizzarla per i propri dispositivi, ma alcune prove sono già state fatte sull’iPhone 6. La cella è molto piccola e non andrà quindi a compromettere la sottigliezza alla quale sono arrivati i dispositivi attuali. L’unica differenza sarà la presenza di prese d’aria nella parte posteriore del telefono per far uscire il vapore acqueo.

Si, perché quello che avviene con questa tecnologia non è l’accumulo di energia, ma la sua creazione da una reazione chimica che prevede la trasformazione di idrogeno, per mezzo di ossigeno, in acqua. Tutto questo grazie anche alla presenza di un catalizzatore e di un elettrolita. Come elettrolita viene utilizzata una membrana a scambio protonico che trasporta ioni carichi elettricamente tra elettrodi… continua

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

“M’illumino di meno”, luci spente per salvare il pianeta

La campagna è stata ideata dal programma radiofonico “Caterpillar”: silenzio energetico e pedalate in bici per sensibilizzare i cittadini e le istituzioni, che compiranno questo gesto simbolico alle 18.

Giù l’interruttore, anche se solo per pochi minuti: “M’illumino di meno” è la campagna radiofonica di sensibilizzazione sui consumi energetici e la mobilità sostenibile, ideata dal programma Caterpillar. Luci spente e tutti in sella alla bicicletta. Read more »

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Quale politica per lo sviluppo sostenibile? La parola agli economisti dell’ambiente

Si è chiusa a Bologna la quarta conferenza annuale dell’Aiear, un’occasione di confronto che sarebbe un delitto sprecare La quarta conferenza annuale …
Quale politica per lo sviluppo sostenibile? La parola agli economisti dell’ambiente (Di lunedì 15 febbraio 2016) Si è chiusa a Bologna la quarta conferenza annuale dell’Aiear, un’occasione di confronto che sarebbe un delitto sprecare La quarta conferenza annuale dell’Aiear,l’Associazione italiana degli economisti dell’ambiente e delle risorse naturali, appena conclusasi a Bologna, si è offerta come testa di ponte tra la ricerca accademica e le sue concrete declinazioni per uno sviluppo sostenibile. Read more »

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

L’identità globale di Enel, capitanata da Francesco Starace, ora è “Open Power”

Francesco Starace

Con il rinnovo del brand, l’Enel di Francesco Starace completa l’adattamento dell’immagine ai cambiamenti in corso all’interno del gruppo e alla rapida evoluzione del settore energetico, di cui la company è alla guida

Sul palco c’erano la Presidente, Patrizia Grieco e l’Amministratore Delegato, Francesco Starace. Alla coppia di vertice il compito di svelare la nuova identità societaria globale del Gruppo Enel, a Madrid, presso la sede della controllata Endesa. Svelati anche i loghi di Enel Green Power e di Endesa, proprio nel quadro della nuova identità societaria di Gruppo. “Con il rinnovo del nostro brand stiamo adattando l’immagine di Enel ai cambiamenti in corso all’interno del gruppo e alla rapida evoluzione del settore energetico, evoluzione di cui siamo alla guida – ha affermato l’AD e Direttore Generale, Francesco Starace -. Read more »

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Duemila punti luce a risparmio energetico

Verranno sostituiti 2mila punti luce nel territorio comunale di Occhiobello del tipo Sap con lampade a Led grazie al progetto ‘global service’. Il rinnovamento della pubblica illuminazione prevede anche la sostituzione di circa 100 sostegni metallici. Per l’assessore Davide Valentini (foto a lato) “più luce è indice di più sicurezza e di maggiore tranquillità per i cittadini” Read more »

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Fotovoltaico italiano, boom al 2020 con 1,6 GW/anno

Secondo il report di Ernst & Young le installazioni italiane quadruplicheranno al 2020. Ripresa anche in Europa, che sarebbe maggiore con l’eliminazione dei dazi anti-dumping cinesi.

Dopo lo stallo degli ultimi anni, il fotovoltaico vivrà una seconda età dell’oro in Italia. Si passerà dai 385 MW installati nel 2014- il valore più basso degli ultimi 6 anni- agli oltre 1,6 GW all’anno nel 2020. A sostenerlo è il nuovo report “Solar PV Jobs & Value Added in Europe”  (IN ALLEGATO) commissionato a Ernst & Young, dall’associazione del FV europeo SolarPower Europe, prima EPIA.

Il declino del fotovoltaico italiano

Lo studio ripercorre il declino del fotovoltaico italiano degli ultimi anni, che nel 2014 ha registrato i dati peggiori, con un un valore aggiunto di 541 milioni di euro, contro  gli 816 milioni di euro del 2008 e un totale di 14.304 occupati contro gli 18.052 registrati all’epoca.

Il boom nel 2020

Il 2015 non è andato molto meglio e la causa è rintracciabile principalmente nei tagli agli incentivi. Ma la ripresa è vicina e secondo le stime degli analisti, nel 2020 il valore aggiunto sarà di 1.060 milioni di euro, gli occupati 26.903 e la nuova capacità annuale installata 1.650 MW, con un totale di potenza installata che salirà a quota 25.613 MW.


Continua a leggere…

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn